Codice etico


Rivista Internazionale di Filosofia del Diritto



La Rivista internazionale di filosofia del diritto adotta le seguenti regole di condotta, ispirate ai principi formulati dal COPE e consultabili al seguente link: http://publicationethics.org/



Doveri della Direzione

1. La Direzione è responsabile della decisione finale in ordine alla pubblicazione di un contributo sottoposto alla sua attenzione.
Nell’assumere tale decisione, è assistita da revisori scelti tra studiosi della disciplina particolarmente qualificati in relazione al tema trattato, adottando la procedura del double-blind peer review. In casi eccezionali, la Direzione potrà invitare personalmente studiosi di riconosciuto pregio a pubblicare i propri lavori sulla Rivista, dispensandoli dalla suddetta procedura.

2. La Direzione si impegna ad assumere ogni decisione relativa alla pubblicazione esclusivamente in ragione del merito scientifico, e nel pieno rispetto del principio di non discriminazione.

3. La Direzione e gli organi collegiali si impegnano a non rivelare nessuna informazione relativa all’autore o ai manoscritti sottoposti alla Rivista a soggetti diversi dagli autori, revisori e potenziali revisori.

4. Il contenuto inedito del manoscritto non potrà essere utilizzato dalla Direzione o dagli altri organi collegiali della Rivista senza il consenso esplicito dell’autore.




Doveri degli Autori

1. Il contributo inviato alla Rivista deve contenere l’indicazione dell’autore o degli autori. A tale scopo si considerano “autori” solo coloro che abbiano fornito un contributo significativo all’ideazione, allo sviluppo, all’esecuzione o all’interpretazione dello studio. I co-autori si impegnano a condividere la paternità del lavoro finale, consentendo alla sua pubblicazione.
Coloro che abbiano partecipato alla ricerca senza apportare tale significativo contributo saranno indicati con la qualifica di “collaboratori”.

2. Gli autori si impegnano a sottoporre lavori inediti, che non siano stati già pubblicati, o che non siano in corso di procedura di revisione, presso altre riviste.

3. Gli autori si impegnano a presentare alla Rivista contributi interamente originali, con opportuni riferimenti bibliografici in nota in caso di citazioni testuali o di utilizzo di lavori altrui.

4. Se il lavoro è frutto di una ricerca che abbia ricevuto finanziamenti specifici, ciò dovrà essere opportunamente indicato in una nota ad asterisco all’inizio del saggio.

5. Gli autori si impegnano a comunicare alla Rivista ogni possibile conflitto di interessi, di natura economica o personale, che possa incidere sui risultati o sull’interpretazione della ricerca presentata.

6. Nel caso in cui un autore rilevi successivamente alla pubblicazione un errore nel suo lavoro, è tenuto a darne tempestiva comunicazione alla Direzione della Rivista, che assumerà ogni decisione in ordine alla eventuale rettifica.




Doveri dei Revisori

1. I revisori assistono la Direzione nella procedura di valutazione di un manoscritto. A tale scopo, si impegnano a effettuare ogni valutazione loro richiesta nel rispetto dei doveri di correttezza e di non discriminazione, eventualmente fornendo suggerimenti che siano in grado di migliorare la qualità scientifica del manoscritto.

2. Nel caso in cui il revisore individuato dalla Rivista non sia in grado di inviare la valutazione richiestagli nei tempi indicati (si vedano le Istruzioni per gli Autori), è tenuto a darne tempestiva comunicazione alla Rivista.

3. Qualora il revisore individuato sia a conoscenza di motivi potenzialmente in grado di determinare un conflitto di interesse, è tenuto a darne tempestiva comunicazione alla Direzione, che provvederà ad assumere ogni opportuna decisione in merito.

4. I revisori si impegnano a trattare i manoscritti ricevuti come documenti riservati, non potendo questi essere mostrati o divulgati ad alcuno.

5. I revisori si impegnano a segnalare alla Direzione ogni eventuale somiglianza sostanziale tra il manoscritto ed eventuali documenti già pubblicati di cui siano a conoscenza.